NUOVI LUOGHI DELLA CONTEMPORANEITÀ - Parole, foto#grafia, poesia

MARTEDI 28 APRILE 2015, ore 18.30

"La resilienza dei non luoghi : prospettive e pratiche di rigenerazione"

Come ogni fenomeno urbano, anche i non luoghi si sono evoluti e trasformati nel tempo.
A distanza di più di vent'anni dalla loro definizione da parte di Marc Augè, ci si interroga su come essi possano riscattare le loro sorti nella prospettiva di una città smart e resiliente, capace quindi di adattarsi rispetto ad un contesto mutevole, sorpassando la propria neutralità per accolgiere identità molteplici.

Ne parleranno, attraverso esperienze e casi studio, Nicola Marzot del dipartimento di Architettura dell’Università di Ferrara, l’architetto Luca Biancucci e l’imprenditore Giampaolo Rimondi, moderati da Francesco Pasquale di GarBo (Giovani Architetti di Bologna).

CIVICO32, presso il Cortile Cafè | via Nazario Sauro 24/b | Bologna

ACQUA POTABILE?

L’Associazione Civico 32 c/o CORTILE CAFE'
 
Via Nazario Sauro, 24/B – Bologna
presenta

ACQUA POTABILE?

Martedì 8/4/2014 ore 20.30

 
A Bologna il 62% delle tubature idriche cittadine è in fibrocemento. Pertanto l’acqua che arriva nei nostri rubinetti scorre  per lo più all’interno di tubature in cemento-amianto.

Cosa arriva nelle nostre case? Quali verifiche? Chi controlla?

ne discutiamo con:

Vito Totire, Medico del Lavoro e Psichiatra, rappresentante dell'Aea (Associazione esposti Amianto e Rischi Ambientali)

Pierluigi Monari, chimico, in qualità di rappresentante del Movimento 5 Stelle di Bologna

Modera l’incontro Marco Ottolenghi, Civico 32

Bologna consumi responsabili

Il 27 marzo 2014 alle 9:00, presso l’Aula Giorgio Prodi del complesso Unibo di San Giovanni in Monte, convegno di presentazione del Progetto Bologna Consumi Responsabili, incluso nei 66 progetti elaborati all’interno del Piano Strategico Metropolitano.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Il Convegno Bologna Consumi Responsabili mira a promuovere un cambiamento socio-culturale attivando percorsi di promozione ed attivazione del consumerismo socialmente responsabile, nonché di stili di vita sostenibili.
Tutto ciò anche attraverso le pratiche degli attori territoriali (Istituzioni, associazioni, imprese), nel tentativo di disegnare un nuovo modello di sviluppo e di crescita economica, sociale e culturale capace di tenere al centro la dimensione delle relazioni, il valore della comunità, il bene comune, la capacità di mettere reciprocamente a disposizione le risorse relazionali, simboliche e culturali dei soggetti del territorio.
L’obiettivo primario del progetto è quello di promuovere “capacità legata alla conoscenza” ovvero mettere in condizione un numero crescente di persone di “scegliere come consumare responsabilmente” e per questo è fondamentale costruire consapevolezza, impegno e partecipazione.
 

 

La gestione post-terremoto: tra mito e realtà

Il 23 aprile 2013, martedi, ore 21.00

 

A quasi un anno dal sisma, ci si interroga su quale sia la situazione nei territori colpiti. Lo facciamo confrontandoci con le diverse realtà (istituzioni, imprese, società civile) coinvolte in prima persona nella gestione della ricostruzione.
Per scoprire che la realtà sfugge spesso alle classificazioni e come in Italia, e l'Emilia-Romagna non fa eccezione, sia difficile fare le cose semplici perché la realtà contiene distorsioni frutto di precedenti norme e del desiderio/necessità di sfuggire, a torto o a ragione, alla loro applicazione.

 

Intervengono:

 

Donato Pulacchini, ERVET, componente del team attivato per rispondere alle imprese che fanno domande di rimborso dei danni
Colby, Libera officina di Modena e Manuel, punto di raccolta e distribuzione autogestita di Concordia
Marco Martelli, assessore del Comune di Crevalcore
Michele Clementel, Cooperativa Sociale la Fattoriabilità

 

CIVICO32, presso il Cortile Cafè | via Nazario Sauro 24/b | Bologna

 

 

Il servizio ferroviario metropolitano (SFM) nell'ottica delle politiche nazionali e regionali. Quale orizzonte per il trasporto su ferro a Bologna?

  Martedi 8 Maggio 2012, ore 21:00

 

 

L'emergenza finanziaria rischia di produrre un grande e ingiusto impoverimento del patrimonio nazionale di infrastrutture su rotaia.
Questo significa lasciare zone nel totale isolamento e privarci di tratti ferroviari da cui si possono ammirare paesaggi unici. Se adeguatamente valorizzate queste linee rappresentano una grande opportunità per uno sviluppo turistico dolce e in armonia con i territori e con l’ambiente.

 

Ne parliamo con: 

 

Paolo Ferrecchi, Direttore Reti infrastrutturali, logistica e sistemi di mobilità Regione Emilia Romagna
Paolo Serra, Legambiente Bologna
Ferdinando Conti, rappresentante gruppo eco-impronta di Scuola di Città


Conduce e modera Paolo Orioli, Civico32

 

CIVICO32, presso il Cortile Cafè | via Nazario Sauro 24/b | Bologna  

 

 

Prossimi appuntamenti

Dicembre 2018
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Gallery