APPUNTI DI CINEMA: IL CAPITALE UMANO di PAOLO VIRZI’

Recensione di Dhany Coraucci

Ci sono molti fattori che concorrono al calcolo del “capitale umano” ma qui è riferito al linguaggio assicurativo e lo si utilizza per stabilire quanto vale la vita di un uomo, in caso di risarcimento. Naturalmente la spietatezza di questo calcolo vale già come metafora universale e deflagrante sulla condizione umana, ma i tre (sottolineo 3) sceneggiatori del film non hanno trovato altro modo che inserirlo in un’annotazione a fine film, prima dei titoli di coda, quando, invece, proprio questa somma conferisce all’opera il suo più alto traguardo. Io non penso alla situazione politica italiana e in particolare a quella del nord, sia la Brianza o un’altra zona emblematica, quando una storia è bella, vale per tutto e per tutti, non a caso il romanzo che ha ispirato Virzì è americano, ambientato nel Connecticut. Devo dirlo subito, il film è molto bello, la prima parte poi è bellissima, nella seconda si intravede, purtroppo, qualche impaccio, ma resta comunque un film intenso che colpisce e fa riflettere. La storia è amarissima ed è divisa in capitoli, ognuno dedicato a un personaggio. Questo congegno (molto americano, a dire il vero) è efficace poiché per lo stesso episodio scrutiamo la verità che si cela dietro ad ognuno, il mondo interiore nascosto, la più disincantata fragilità. Poi il film vira nel noir e mi ha ricordato Il Falò delle Vanità di Brian de Palma ed è un campo, questo, in cui gli italiani hanno ancora da imparare rispetto agli americani, il congegno, infatti, un po’ si incrina, se avesse mantenuto lo stesso ritmo incalzante della prima parte sarebbe stato un capolavoro; per non parlare del finale che ingenuamente accomoda le cose, come a dare un contentino che stona con l’atmosfera cupa e disillusa del film: ma non c’è niente da fare, certe coraggiose prese di posizione (intendo, vuoi mostrare la miseria umana? Allora vai fino in fondo, spingi sull’acceleratore, tanto non ci credo che le cose si accomodano, chi perde continua a perdere e chi vince continua a vincere) appartengono agli artisti e Virzì non lo è, però è un bravo regista. Su tutti gli attori, finalmente bravissimi, spicca Bentivoglio (perfino la Tedeschi è riuscita a recitare bene), ma mi spiace per Lo Cascio che è tagliato fuori dagli onori della locandina e delle interviste, mentre è così dannatamente intenso.


 

 

Trailer

 

 

 

 

APPUNTI DI CINEMA: TUTTO SUA MADRE di GUILLAUME GALLIENNE.

Recensione di Dhany Coraucci

Nella locandina viene citata una recensione de Le Point che dice: “da contorcersi, geniale, esilarante”. Ora, prima di contorcersi ce ne vuole, soprattutto dalle risate (anche se devo dire che il pubblico in sala ha riso un sacco), geniale forse, esilarante non troppo: Guillaume ha un faccino bruttino e malinconico e la storia che racconta non è inventata ma è autobiografica, ed è la storia di un “diverso” che poi si scopre “uguale”. Superato l’iniziale shock dopo aver capito che è lui stesso ad interpretare la madre, con i dovuti trucchi di scena, il film è una carrellata di avventure alla ricerca della propria identità che ricorda i primi film di Woody Allen, senza però averne lo stesso “respiro” esistenziale e profondo. La madre è terribile, ma lui la adora incondizionatamente, in fondo è una dichiarazione d’amore per lei, per tutti quei genitori che nell’educare i figli commettono gli errori più grossolani e devianti e ciò nonostante, li si assolve. Io non sarei stata così accomodante, ma questa è un’altra storia. Guillaume invece proprio ci ha creduto e dopo averla recitata a teatro per dieci anni, l’ha sceneggiata, diretta, interpretata e prodotta per il cinema. Il titolo originale è la frase con la quale la madre chiamava a cena i suoi 3 figli maschi: “i ragazzi e Guillaume, a tavola!”.

 

Trailer

 

 

 

Prossimi appuntamenti

Ottobre 2017
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Gallery